martedì 10 dicembre 2013

UMBRIA, POVERTA’ DILAGANTE E BOOM DI SFRATTI: ADDIO ALLA REGIONE DEL BUON VIVERE

CADE COSI’ UN MITO SOTTO I COLPI DELLA CRISI

C’era una volta la “Regione del buon vivere” per la qualità della vita. La crisi mette in ginocchio anche l’Umbria, dove aumenta il numero degli indigenti ed è boom di sfratti. L’Unione sindacale di base dirama numeri allarmanti.

LA POVERTA’ - Se tra il 2008-2010 i nuclei famigliari poveri erano circa 20.mila, il 5,5% -   nel 2011  l` ISTAT stima i nuclei famigliari poveri pari a oltre 36mila, quasi il 9%  ciò ci avvicina  a  alla media nazionale dell'11%. In uno stato molto grave di povertà vivono 6.300 famiglie 1,7 % di tutte le famiglie umbre, appena al di sopra della soglia di povertà vi è un altro 5 per cento pari a 19mila famiglie, considerando il reddito famigliare rischiano la povertà 109mila famiglie, il 10%.

GLI SFRATTI -  La crisi economica in Umbria (160 vertenze aperte - 41000 disoccupati - 13000 cassaintegrati- 27000 precari e scoraggiati, il tasso di occupazione è del 63% nella popolazione tra i 15 e 64 anni che è di 559.413) si sta avvertendo sempre più sul reddito delle famiglie con conseguenze come lo sfratto per morosità, il che fino a pochi anni fa, quasi del tutto inesistente.
L’abbandono di politiche abitative per la casa e l’affidamento al mercato immobiliare ha aggravato l’emergenza abitativa. In Umbria la stima di necessita d’alloggi popolari è di 10.000 alloggi, soltanto il 10% delle domande di alloggi popolari può essere soddisfatta, nel 2013 la richiesta di case popolari è aumentata del 25% rispetto all' anno precedente, consideriamo anche si registrano 42 mila vani sfitti invenduti.
L’Umbria si colloca al settimo posto tra le Regioni italiane per richiesta di sfratti.
Nella classifica delle città con il maggior numero di sfratti.
-  a Terni uno sfratto ogni 252 famiglie residenti e uno ogni 50 famiglie in affitto, 40 sfratti al mese,
 - a Perugia, uno sfratto ogni 280 famiglie residenti e uno sfratto ogni 56 famiglie in affitto, Perugia si colloca al decimo posto con 984 esecuzioni nel 2012
 Famiglie in condizione di fratto tot 1.391
- Perugia e prov. 932
- Terni e prov. 390
richiesta sfratti 1.035/ eseguiti 491 con un aumento per il 18,58% rispetto al 2011
In questa valutazione non sono censiti, famiglie o singoli che escono in silenzio, e con contratti in nero, dove i proprietari staccano acqua e luce per sollecitare i pagamenti, andando ad aumentare coabitazioni affollate o “residenti” in strada, roulette o macchina.
Nel 90% dei provvedimenti la causa è quella che ormai viene definita –morosità inconsapevole direttamente legata alla perdita di lavoro.
Secondo gli studi della regione nei prossimi tre anni saranno 4.500 gli sfratti esecutivi, uno ogni sei ore. Queste stime peraltro si inseriscono in un quadro nazionale che prevede almeno 300.000 sfratti verosimilmente eseguibili nei prossimi tre anni di cui 250.000 per morosità.

LE CRITICITA’ DEL PROVVEDIMENTO REGIONALE - La Regione Umbra governata dal centrosinistra in questi giorni sta attuando con il DGR n.987 del 09/09/2013 un – bando pubblico per individuazione degli immobili da riservare alla locazione a canone concordato per i nuclei in possesso di sfratto esecutivo per morosità inconsapevole – di cui Rifondazione Comunista forza di governo, si sta facendo divulgatore.
Entrando nel merito, il bando è riferito a proprietari in regola con tutti gli obblighi del pagamento imposte, non aver provvedimenti pendenti, non aver riportato condanne contro la pubblica amministrazione e lo stato degli immobili deve essere con certificazione in confermità ai sensi della vigente normativa, richieste conseguenti se, non consideriamo che oggi in questo stato di crisi, in cui siamo costretti a vivere, anche piccoli o medi proprietari, con un carico di tasse e norme notevoli, difficilmente possono rientrarci, cosa più probabile per i grossi gruppi immobiliari.
Il contributo viene dato direttamente ai proprietari, 200 euro per l affitto e 200 per la caparra se accetta un affitto inferiore al minimo, il contratto dura 24 mesi, al termine  il comune si fa garante della riconsegna (sfratto) dell immobile.
Il tempo di contributo è di 24 mesi, come se la difficoltà di mancanza di reddito sia temporanea…
Il bando è riferito a Famiglie con fratto esecutivo per morosità inconsapevole e non prevede una sospensione del provvedimento di sfratto, fino a quando non siano completate le procedure che consentono l accesso al contributo affitto.
Non si prevedono tempi rapidi e i provvedimenti di sfratto, continueranno nel frattempo ad essere emessi ed eseguiti, questa “soluzione” può risultare vana per molte richieste di contributo.
Un'altra norma discutibile del bando  che è riferito a famiglie con un reddito che non supera Euro 11.900 annui = 991 euro a famiglia al mese, quindi, in uno stato di povertà, tutti siamo consapevoli di quanto ci costa la vita, tra bollette, vitto, mobilita, elencando solo il minimo essenziale, in una famiglia  di due o tre componenti. Non si considera lo stato di disperazione e di stato di precarietà di una famiglia sottoposta a sfratto, come dicevamo, semmai, mettono pezze di breve durata.
Questi provvedimenti vanno ad alimentare la speculazione immobiliare che negli ultimi dieci anni ci ha imposto, anche in un mercato in stagnazione, un aumento del canone del 100% a fronte di retribuzione nette che, nello stesso periodo, sono al contrario diminuite.

LA PROPOSTA DELL’USB – L’USB avanza proposte alternative per mitigare il problema: visto lo stato di precarietà abitative la Regione dovrebbe attuare il blocco degli sfratti e studiare un piano di recupero  di edifici, caserme etc. per adibirle ad abitazione evitando di dare ancora terreno edificabile, visto che le colate di cemento stanno invadendo anche la verde Umbria, alle grosse imprese immobiliari che ci speculerebbero sopra per l’emergenza.
Avviare un piano Regionale di edilizia popolare, se gli enti proposti a farlo non fossero stati deviati dalle loro funzioni, come la Cassa Depositi e Prestiti che è finalizzata ad esempio a finanziare autostrade per l alta velocità, o che i soldi riscossi dalle Regioni non fossero bloccati per garanzia del pagamento del debito imposto dall Unione Europea.


(Fonte: Contropiano)

2 commenti:

  1. pensa te..se cade pure l'Umbria, è proprio crisi...

    RispondiElimina
  2. La povertà è dilagante non solo in Umbria.

    RispondiElimina