martedì 4 agosto 2015

Nuovi tagli alla Sanità: cosa cambia per analisi, visite, esami per immagini e la professione medica

DOPO IL SÌ AL TAGLIO DI 2,3 MILIARDI ALLA SANITÀ ORA È IL MOMENTO DELLA RIORGANIZZAZIONE NEGLI OSPEDALI E NEGLI AMBULATORI

Servizio sanitario pubblico sempre più ridotto all'osso. Sono anni che si taglia, per cercare di far quadrare i conti e ovviare ai tanti sprechi (e ruberie) del passato. Soprattutto a quelli degli anni '70-'80, quando si concedevano molti farmaci gratuitamente, si assumeva personale più per voto di scambio che per necessità, i fondi stanziati per nuovi macchinari si perdevano in tasche occulte o, se essi venivano acquistati, rimanevano in deposito per anni. Per non parlare poi delle tante lauree in medicina comprate. Dagli anni '90, con la sempre maggiore stretta Europea sui soldi pubblici spesi, si è passati a una situazione opposta. Il tutto, sempre a danno dei pazienti, costretti in entrambe le epoche a stare sulle barelle per giorni, anche se negli ultimi anni la situazione si è molto aggravata. Con attese spasmodiche per avere una visita e il ricorso alla sanità privata per fare prima. Col risultato che, come prevedevo già anni fa, ci stiamo avvicinando sempre più alla Sanità americana, dove solo se hai soldi ti curi. Col nuovo taglio previsto dal Governo Renzi poi, di 2,3 miliardi di euro, la situazione peggiorerà ulteriormente. Tanto per i pazienti, quanto per medici e infermieri.

I NUMERI - Entro agosto il ministero della Salute dovrebbe presentare i diversi protocolli mirati a ridurre gli sprechi: dal testa per verificare il livello di colesterolo, alla Tac, alla risonanza, all’ecografia in gravidanza fino ai ricoveri. L’operazione riguarda circa il 15% delle prestazioni che oggi il servizio sanitario passa gratuitamente. Duecento, tra analisi ed esami, sono sotto la lente e circa 108 ricoveri. In cinque anni, si dovranno recuperare almeno 10 miliardi. Ai risparmi su beni e servizi (per gli acquisti un’unica centrale) si sommeranno quelli sul personale, i ricoveri e la diagnostica. Le prestazioni erogate sono 200 milioni all’anno, si ipotizza che dovranno essere 28 milioni in meno ogni dodici mesi. Analisi ed esami inutili costano oltre 13 miliardi l’anno al bilancio del sistema sanitario.
Già elaborata una sorta di lista nera. Al lavoro, oltre i tecnici del ministero della Salute anche altre otto istituzioni, fra le quali l’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), la Ragioneria Generale dello Stato, la Banca d’Italia e la Consip.

LE VARIE TIPOLOGIE DI VISITE - Sugli esami non una scure che taglia di netto ma sì o no al rimborso secondo la condizione di salute del paziente. Come già avviene per i farmaci. Ciò significa che per chi è colpito da una particolare patologia, uno specifico test è gratuito mentre per chi non ha fattori di rischio, è obbligatorio il pagamento. Per mettere un freno al cosiddetto “consumismo sanitario” potrebbe essere introdotto un meccanismo secondo il quale in caso di più accertamenti i successivi restano a carico del servizio sanitario solo se il primo indica che sono necessari per arrivare a disegnare nel modo corretto la diagnosi. O per verificare l’effetto di una terapia.
Se, per esempio, le analisi per misurare il colesterolo o i trigliceridi dovessero essere ripetuti senza che vengano evidenziati allarmi specifici l’accertamento sarà a carico del cittadino. Ancora un esempio: non sarà possibile fare l’antibiogramma (un esame che permette di valutare se un batterio è sensibile ad un determinato antibiotico) se l’urinocultura fatta in precedenza non ha evidenziato valori non nella norma. I test genetici saranno rimborsati sono nel caso in cui venga diagnosticata prima una malattia ereditaria.
Super revisione anche per Tac, risonanza magnetica ed ecografie. Prescrizioni contingentate e su misura. Solo in casi di effettiva necessità visto il costo di questi accertamenti. Al medico di base verrà consegnato il nuovo protocollo, dovrà attenersi scrupolosamente a questo pena la riduzione del suo stipendio. Inutile insistere con il dottore di base per avere questo o quell’esame. Dirà di no. Come oggi dice no se chiediamo un farmaco non previsto per la nostra patologia. Il medico potrà evitare le sanzioni in caso di prescrizioni inappropiate motivando le proprie decisioni.
La Tac sarà a pagamento, per esempio, se si vuole verificare la presenza di un’ernia mentre la risonanza non sarà gratuita se il paziente ha solo un semplice mal di schiena. E no risonanza al ginocchio per gli over 65.
Possibile stretta in arrivo anche per gli esami e le ecografie durante la gravidanza. È stato lo stesso ministro della Salute a parlare di risparmio dalle donne in attesa. Che sono cinquecentomila l’anno. «Si abbonda ingiustificatamente in prescrizioni», ha sentenziato qualche mese fa Beatrice Lorenzin. Gli accertamenti, dunque, verranno contingentati e modulati secondo le condizioni della paziente e del bambino. Chi vorrà sottoporsi ad altri test dovrà pagarli di tasca propria.

I RICOVERI - Ricoveri sempre più brevi per diverse patologie. Che siano reparti di medicina o chirurgia. Due o tre giorni in più in corsia vogliono dire miliardi. Il progetto non è nuovo. Prevedeva che l’uscita dei pazienti dall’ospedale fosse facilitata dalla presenza di servizi di assistenza nel quartiere come le cure domiciliari. Ma, solo in poche Regioni, si è raggiunta questa continuità dalla corsia a casa. Quei trattamenti che fino ad oggi prevedevano un ricovero, dovranno riconvertirsi in day hospital o in regime ambulatoriale.


(Fonte: Il Messaggero)

1 commento:

  1. Si taglia anche sulla scuola pubblica purtroppo...

    RispondiElimina