domenica 16 marzo 2014

TERRA DEI FUOCHI: SECONO UN’ANALISI DEL MINISTERO SAREBBE INQUINATO SOLO LO 0,14% DEL TERRITORIO CAMPANO. BISOGNA CREDERCI?

SI TRATTEREBBE DI 64 ETTARI, OSSIA IL 2% DEL TERRITORIO RICADENTE NELLA “TERRA DEI FUOCHI”

E’ arrivato il tanto atteso Rapporto sulla Terra dei fuochi promosso dal Ministero delle attività agricole, alimentari e forestali, deliberato lo scorso 23 dicembre e tanto voluto dal Governatore della Regione Campania Stefano Caldoro e dall’allora Ministro Nunzia De Girolamo. E’ stato presentato martedì a Palazzo Chigi dai ministri alla Salute, Beatrice Lorenzin, all’Ambiente Gian Luca Galletti e all’Agricoltura Maurizio Martina, e dal governatore della Campania, Stefano Caldoro. Le indagini hanno messo a confronto i dati di enti locali, agenzie dell’ambiente, magistratura, università e forze dell’ordine che già nel passato avevano mappato i 57 Comuni delle Province di Napoli e Caserta, un’area complessiva di 1.076 chilometri quadrati che sono stati vittima di sversamenti abusivi. Quella che è venuta fuori è una sorta di classifica dei veleni. I campi sono stati divisi in cinque gruppi a seconda dell’indice di gravità della situazione. I risultati sono molto meno peggiori di quanto si aspettava. Forse pure troppo. Lo stesso Raffaele Cantone, Pm fresco di nomina a Presidente della Commissione anti-riciclaggio, ha così commentato il Rapporto: "C'è il rischio che servano a ridimensionare il problema e rinviarlo. Si parta comunque con le bonifiche".

LE AREE PIU’ INQUINATE – Il gruppo risultato più danneggiato è il 5, che comprende sette siti, che si trovano nei comuni di Acerra, Caivano, Giugliano, Succivo e Villa Literno (tra questi ci sono le aree degli stabilimenti dei fratelli Pellini). Le altre 44 si trovano anche a Castel Volturno, Villa Literno e Nola. In totale si tratta di 64 ettari di suolo agricolo, pari al 2% della superficie della Terra dei Fuochi e allo 0,14% di quella campana.
I prodotti di tutte queste aree non potranno essere messi sul mercato fino a quando, lo prevede il decreto firmato ieri dai tre ministri, non saranno ultimate ulteriori analisi che dovranno essere concluse entro novanta giorni. I proprietari potranno però, farle fare a loro spese, dalla Autorità competente. Proprio per venire incontro alle esigenze dei coltivatori la Giunta regionale ha varato, lo ha sottolineato il governatore Caldoro, un fondo di 50 milioni di euro per le imprese agricole che dovranno far fare in proprio i controlli e le analisi aggiuntive e quindi dovranno sostenere costi straordinari.
Qui è possibile vedere una precisa tabella.

La diffidenza è sempre obbligatoria, specie quando si parla di stime così basse a fronte di un’esplosione di patologie tumorali in Campania così alta. E specie quando viene fuori che il Boss pentito Carmine Schiavone aveva già rivelato tutto nel ’97 ma è venuto fuori solo 16 anni dopo.


(Fonte: Il Mattino

6 commenti:

  1. Più che alla terra io guarderei alle persone, nel senso che inquinare le prove è molto facile, pur rispettando ognuno, ma come disse il pentito di mafia spatuzza, diventai pentito al tempo della caduta del Gov. Prodi, e se avessi saputo che stava cadendo mai sarei diventato pentito.....

    RispondiElimina
  2. E' davvero molto difficile credere a queste analisi dopo quello che ha detto Schiavone e dopo che le sue dichiarazioni sono state segretate per vent'anni. E' chiaro che ci saranno siti inquinati dove hanno costruito palazzi e quindi adesso non possono dirti che sotto ci sono scorie tossiche. E' ora che stiamo molto più attenti a chi votiamo e per quanto tempo li lasciamo al potere.

    RispondiElimina
  3. sono dichiarazioni di comodo, è ovvio...e che vuoi che dicano, la verità??

    RispondiElimina
  4. Ma le analisi da chi sono state fatte, dalla Lorenzin in tenuta da combattimento e da Caldoro che per l'occasione si è tolto gli occhiali? Per cortesia. Se l'analisi, come si suppone, è basata su un rapporto tecnico, è quel rapporto che bisogna smontare. Se si è capaci. Altrimenti è vero tutto e il contrario di tutto. Come la notte in cui tutte le vacche sono nere.

    RispondiElimina
  5. Probabilmente bufale per rilanciare la mozzarella; ma perché non dovremmo fingere di credere a una storiella a fin di bene? Purché si diano da fare, però.

    RispondiElimina
  6. Fondalicampania17 marzo 2014 10:17

    Francamente io non credo ai risultati di queste analisi, ed ammettendo questo faccio un torto a me stesso, dal momento che mi interesso appunto di esaltare le bellezze dai fondali Campani,ma allo stesso tempo non mi va di mentire, purtroppo ci sono molte zone della costa Campana che sversano in mare una grossa quantita' di sostanze nocive, chi ama il mare come Noi di Fondali Campania non puo' far finta di Niente.Ciononostante i fondali, le spiagge e le splendide location balneari che la Campnia ha da offrire, restano ai primi posti fra le mete turistiche piu' ricercate in Italia.

    RispondiElimina