lunedì 22 settembre 2014

AUGURI A SOFIA LOREN, UNA DEI TANTI VIP NAPOLETANI CHE AMANO LA CITTA’ A DEBITA DISTANZA

SABATO SCORSO HA COMPIUTO 80 ANNI. SI TRASFERI’ FIN DA GIOVANISSIMA, OGGI VIVE A GINEVRA

«I'm not Italian, I'm Neapolitan! It's another thing!» diceva Sophia Loren, al secolo Sofia Villani Scicolone, in un’intervista a un’emittente straniera. Una bella frase, a effetto, una grande prova d’amore alla città che gli ha dato i natali (è nata precisamente a Pozzuoli). Inutile fare presentazioni. Tutti sanno chi è la Loren e quanto rappresenti il Cinema italiano e l’Italia nel Mondo. Non a caso ha vinto due Oscar: il primo nel 1962 per l’interpretazione nel film del grande Vittorio De Sica: Ieri, oggi, domani. Il secondo alla carriera nel 1991. Ricevette un’altra nomination per il film Matrimonio all'italiana, del 1964, sempre diretto da De Sica. Ha vinto anche un Golden Globe, un Leone d'oro, la Coppa Volpi, una Palma d'oro a Cannes, un BAFTA, sei David di Donatello e due Nastri d'argento. Sabato ha compiuto 80 anni e ha ricevuto gli auguri da milioni di estimatori, famosi e non. Peccato però che da Napoli se ne sia andata da ragazzina, appena iniziata la notorietà. Per poi restare all’estero anche per problemi fiscali. Nella città partenopea e nella sua Pozzuoli vi è tornata raramente. Peccato. Rientra anche lei tra i tanti Vip napoletani che, una volta raggiunta la notorietà, sono scappati dalla città partenopea. Ma Napoli non va solo amata a debita distanza. Non va solo ricordata con nostalgia come una madre che tempra il carattere e dona doti innate. Napoli va anche vissuta, nel bene e nel male.

LA “VIVACE” VITA PRIVATA - Conosce nel 1949, a soli 15 anni, ad un concorso di bellezza, il noto produttore Carlo Ponti, di 22 anni più grande e già sposato con due figli. Tra i due nasce una storia e i due si sposeranno nel settembre 1957. Ma poiché il divorzio all'epoca non era legale in Italia e i due sposi rischiavano accuse di concubinato (Loren) e bigamia (Ponti), si trasferirono in Francia dove divennero cittadini francesi. Allora Ponti poté divorziare dalla prima moglie Giuliana Fiastri e quindi lui e Sofia Loren si sposarono una seconda volta il 9 aprile 1966 a Sèvres. Ebbero due figli, Carlo Ponti (Carlo Jr) ed Edoardo Ponti, nati nel 1968 e nel 1973. Carlo Ponti muore nel 2007, all'età di 94 anni. Sophia Loren ha quattro nipoti: due (Vittorio Leone e Beatrice Lara) figli di Carlo jr., e due (Lucia Sofia e Leonardo Fortunato) nati dal matrimonio di Edoardo con l'attrice Sasha Alexander.
Agli inizi degli anni cinquanta vive a Roma, in via Cosenza prima e in via Ugo Balzani poi. Tra il 1955 e il 1960 ha vissuto con Carlo Ponti in un appartamento di Palazzo Colonna, in via del Teatro di Marcello. Dal 1960 al 1977 ha vissuto insieme al marito a Marino, nella settecentesca "Villa Sara", ex residenza dei marchesi Gabrielli con 50 stanze, foresteria, pinacoteca, casino di caccia, cinema, cappella privata, maneggio, voliera e una piscina circondata da un parco di 20 ettari, acquistata e ristrutturata da Ponti negli anni '50. La villa, dopo anni di abbandono, è stata venduta nel 2003 all'imprenditore Antonio Angelucci (uno dei cosiddetti “furbetti del quartierino”).
Nel '77 la Loren, a causa dei problemi del marito con la finanza, si trasferisce con la famiglia in California. Nel 2007 la coppia vende la villa californiana per 9 milioni di dollari e si trasferisce definitivamente a Ginevra, in rue Charles-Bonnet, dove l'attrice vive attualmente.
La Loren possiede inoltre un appartamento nell'esclusiva Trump World Tower di New York.

Comunque, auguri posticipati Sofia. E’ sempre un piacere rivedere i vecchi film che ti vedono protagonista.


(Fonte: Wikipedia

3 commenti:

  1. diciamo che è napoletana a distanza di sicurezza

    RispondiElimina
  2. Auguri ad una grandissima donna.

    RispondiElimina
  3. Va ricordata anche per "La ciociara e Filomena Marturano"

    RispondiElimina