giovedì 18 giugno 2015

I 15 treni più pericolosi d'Italia secondo Ferrovie e Sindacati

ESSI PRESENTANO Rischi troppo elevati soprattutto per i controllori, che rischiano di finire nel mirino di bulli e passeggeri senza biglietto

La brutale aggressione a un capotreno e a un suo collega sul passante ferroviario di Milano di qualche giorno fa, per opera di una gang di latinoamericani, ha rimesso sotto i riflettori la scarsa sicurezza dei mezzi di trasporto pubblici. Nella fattispecie, dei treni delle Fs. In realtà neppure gli autobus se la passano bene, con diversi episodi di minacce o violenze fisiche rivolte spesso a controllori e autisti. Ma tornano ai treni, per ovviare al problema sicurezza, se alcune tratte non saranno rinforzate con la presenza di agenti di polizia a bordo, quindici treni lungo tutto lo stivale potrebbero essere addirittura soppressi. E’ quanto prevede l’accordo tra sindacati e Ferrovie, nell’ambito del quale è stata stilata una lista dei treni più pericolosi sulla base di segnalazioni e che dovrebbe entrare in vigore dal 26 giugno. Vediamo quali sono.

SETTE LE REGIONI PIU' A RISCHIO - In Toscana le tratte più pericolose, soppresse in caso di mancati rinforzi di polizia, sono due: Firenze-Arezzo delle 7.08 (soprattutto tra Campo di Marte e San Giovanni Valdarno) e Firenze-Viareggio delle 7.53 (soprattutto tra San Miniato e Viareggio).
Nelle altre regioni
Le altre regioni coinvolte sono Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Veneto, Lazio e Campania. La maggior parte delle tratte a rischio sono quelle nelle prime ore della mattina. Tra le corse più a rischio quella Nettuno-Roma Termini delle 6.58 e quella delle 17.42 mentre in Campania sotto osservazione la tratta Napoli-Roma Termini delle 6.22 e quella tra Sapri e Napoli delle 12.55. In Piemonte, tre le linee «pericolose»: quella Torino-Cuneo delle 17.25 e il ritorno delle 19.24 e quella Torino-Ventimiglia delle 6.25. In Veneto, due: quella da Bologna a Venezia delle 21.20 e quella da Venezia a Trieste delle 6.41. In Emilia Romagna, potrebbe saltare il treno Piacenza-Ancona delle 18.52. Infine, la Liguria con tre tratte: La Spezia-Sestri Levante delle 10.06, Ventimiglia-Milano delle 4.40, Sestri Levante-Savona delle 10.50.


1 commento:

  1. Crocco Carmine18 giugno 2015 22:40

    Ma come, nemmeno una TAV? Bah...qualcosa non quadra. Ma tant'è...come dice Manzoni nel Conte di Carmagnola "S'ode a destra uno squillo di tromba; a sinistra risponde uno squillo..."

    Troppi tromboni in giro.

    RispondiElimina